Addio a Sandra Milo, modello di libertà e grande positività!

Sandra Milo è morta oggi all'età di 90 anni. Lascia un segno nel mondo dello spettacolo, ma anche nel cuore del pubblico, che l'ha amata per il suo carattere entusiasta e solare.

È morta Sandra Milo, aveva 90 anni.

La scomparsa dell’attrice Sandra Milo, avvenuta nella mattina di oggi, ha segnato per lo spettacolo italiano la perdita di un’artista dal grandissimo talento, declinato non soltanto al cinema, ma anche al teatro ed alla televisione. Una donna che ha saputo regalare al pubblico gioia, positività, entusiasmo e voglia di vivere. Sandra Milo ha lavorato con i più grandi autori regalandoci interpretazioni indimenticabili. Aveva debuttato al cinema accanto ad Alberto Sordi nel film, “Lo scapolo” del 1955, proseguendo poi con un ruolo importante “Il generale Della Rovere“, per la regia di Roberto Rossellini, nel film “Fantasmi a Roma“, diretto da Antonio Pietrangeli.

Una carriera trasversale tra cinema, teatro e televisione.

L’incontro cruciale è stato con Fellini, che l’ha diretta nei due capolavori, “8½” del 1963 e “Giulietta degli spiriti” del 1965. Il suo talento e la sua femminilità l’hanno fatta diventare una delle attrici più richieste della cinematografia italiana. Negli ultimi anni Pupi Avati l’ha scelta nel 2003 nel suo film “Il cuore altrove” e nel 2010 Salvatores nel suo “Happy Family”, ed a teatro è la volta di varie piece, tra cui “8 donne e un mistero”. La sua ultima avventura è stata “Quelle brave ragazze” in compagnia di Mara Maionchi e Marisa Laurito. La Milo ha saputo crearsi nel tempo un’immagine più trasversale e popolare, conquistando il cuore del pubblico con la sua spontaneità, simpatia e grande sincerità. Grazie alla televisione è diventa un volto amichevole e solare. Una donna libera, energica, volitiva e generosa.

Una madre attenta e generosa.

Come ha rivelato il figlio Ciro in un’intervista di oggi, una madre attenta premurosa, che non ha fatto mancare nulla ai propri figli, e che in vari momenti ha sacrificato, senza farlo mai pesare, la sua carriera per dedicarsi alla famiglia. La Milo, in una lunga intervista a Vanity Fair, si è raccontata con la spontaneità e con la sincerità che l’hanno sempre contraddistinta. Ha rivelato di avere ancora una grande energia spirituale, e di non sentire il peso degli anni: “Ogni festa di compleanno è una festa straordinaria, ogni anno mi compro un vestito nuovo e mi faccio la torta anche se sono da sola. Il tempo che passa per qualcuno è una mancanza, per me è una conquista. La vita è un cambiamento continuo”.

L’unicità di una donna forte e piena di voglia di vivere.

Attivissima sui social, a coloro che la criticavano definendola ridicola, ha ribadito di non sentirsi ferita: “Penso che chi scriva una cosa del genere soffra perché, probabilmente, non ha le cose che ho avuto io dalla vita e si sente meglio a dire questo. Va bene così, per fortuna la cosa è minima: la maggioranza mi vuole bene, anche i ragazzi mi scrivono delle cose meravigliose”. Sandra Milo alle donne diceva di essere libere e coraggiose. Con il suo sorriso contagioso e la sua vitalità, il messaggio che la Milo ha sempre voluto lanciare è che non ci sono differenze, ma solo particolarità, che ci rendono unici pur essendo simili agli altri. E lei unica lo è stata veramente, con la sua voglia di vivere, il suo contagioso ottimismo e la sua capacità di planare leggera sulle cose della vita.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Knew.it

Informazioni sull'autore