CONDIVIDI
Attentato a Manchester, ultime news
Twitter.com

Attentato a Manchester, ultime news: emergono nuovi dettagli sull’identita del killer islamista. È stato identificato l’autore dell’attentato che ieri, martedì 23 maggio 2017, ha sconvolto l’Inghilterra uccidendo 22 teenagers durante un concerto di Ariana Grande alla Manchester Arena. Si tratta di un cittadino britannico di origine libica, Salman Abedi (22 anni). Figlio di immigrati libici oppositori di Gheddafi, il killer era da tempo noto alle forze di sicurezza britanniche. Secondo gli investigatori, il killer era legato al gruppo terrorisitico di Al Qaeda, alleato in Libia dell’Isis contro le forze governative.

Attentato a Manchester, ultime news: identificato il killer dei teenagers che ha colpito al concerto di Ariana Grande.

Nel 2017 era andato più volte in Libia per addestrarsi e radicalizzarsi. Il mostro che ha ucciso 22 innocenti (tra bambini e ragazzi) ha usato una bomba sofisticata, imbottita di bulloni e chiodi per mietere più vittime possibili (una modalità usata spesso dagli islamisti). Secondo gli inquirenti si tratta di un ordigno “fatto con materiali difficili da reperire nel Regno Unito”. Abedi era già noto all’MI5 e risultava iscritto alla facoltà di economia. I vicini lo descrivono come un tipo “solitario” e che passava spesso inosservato. Ma non mancano le voci fuori dal coro.

Secondo alcune rivelazioni, ultimamente il killer “aveva molti amici nel quartiere” e cominciava ad uscire la sera e a fare tardi. Ma emergono ulteriori dettagli clamorosi su questa vicenda. Secondo alcune fonti dell’intelligence americana, i familiari avevano allertato le autorità britanniche sulla pericolosità di Abedi. Una strage che poteva essere evitata. Secondo il quotidiano francese Le Parisien esisterebbero dei legami tra le cellule jihadiste di Manchester e quelle francesi e belghe. Nel frattempo l’Isis ha rivendicato l’attentato, descrivendo il concerto di Ariana Grande come un “raduno di crociati”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONDIVIDI