CONDIVIDI
Camusso (Cgil) su pensioni, precoci e legge Fornero. Novità ad oggi 7 maggio 2017

Pensioni e riforme. Il punto di Susanna Camusso. Il segretario confederale della Cgil, Susanna Camusso, ha chiuso la manifestazione del sindacato che si è tenuta ieri a Roma a sostegno della proposta di legge “Carta dei Diritti Universali del Lavoro”, con un discorso a tutto tondo sui temi del lavoro e delle pensioni. Per Susanna Camusso la legge Fornero sarebbe dovuta essere stata cancellata da tempo. “Bisogna ripartire”, ha affermato, “perchè ci pare che il Governo, dopo tanti annunci non solo non riesca a fare i decreti delle cose che ha già convenuto, ma non abbia idee per il futuro”.

Pensioni e lavoro, il punto di Camusso (Cgil).

Pensioni e lavoro nel discorso di Camusso ieri  a Roma. Il leder della Cgil  ha sottolineato l’aspetto che lega il lavoro al mondo della previdenza, ricordando il ruolo che hanno in pensionati nella società attuale:”I pensionati si ritrovano ora, dopo una vita di lavoro, nelle condizioni di non riposarsi, ma il perno della sopravvivenza della loro famiglia e dei loro nipoti”.

“Ci sono due grandi temi sulla legge delle pensioni a cui noi non rinunciamo”, ha aggiunto, “bisogna avere una pensione per i giovani:una pensione di garanzia”. “Se i giovani non avranno una prospettiva previdenziale, anche chi è al lavoro oggi non avrà una pensione, perchè salta il sistema”, ha osservato.

Un alto punto da mettere in rilievo è quello della qualità del lavoro che è la stessa per tutti i lavoratori. “Tanta parte del lavoro che c’è oggi è un lavoro che si fa a fatica, che usura, che è difficile per le persone”. “Quelle persone non possono aspettare l’infinita aspettativa di vita e devono avere il diritto e la possibilità di andare in pensione”, ha concluso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONDIVIDI