CONDIVIDI
Paolo Gentiloni

Ddl concorrenza in Senato: le novità introdotte sul mercato italiano. Dopo un iter parlamentare di due anni, ieri martedì 2 maggio 2017 il disegno di legge per la concorrenza e l’apertura dei mercati è approdato nell’aula del Senato. Il Governo Gentiloni è pronto a mettere la fiducia sul Ddl, che era già stato approvato dalla Camera il 7 ottobre 2015. Se la fiducia dovesse arrivare, verranno introdotte così alcune novità in materia di assicurazioni, banche, energia, fondi pensione, carburanti, trasporti, comunicazioni, professioni e servizi sanitari. Il Capo II del Ddl concorrenza prevede alcune modifiche al Cap (il codice di assicurazioni private) con un’attenzione particolare alle Rc Auto e ai fondi pensione. Gli automobilisti che accetteranno l’ispezione del veicolo e l’installazione della scatola nera e del meccanismo che impedisce l’avvio del motore in caso di elevato tasso alcolemico potranno usufruire di sconti per la polizza Rc Auto.

Saranno conferiti anche maggiori poteri all’Ivass (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni) per ridurre il fenomeno delle cosiddette “testimonianze di comodo” prodotte dopo l’incidente. Il provvedimento introduce anche norme per la semplificazione delle procedure di domanda della pay-tv, della telefonia fissa e mobile e di Internet, incluse le eventuali modalità di recesso o di passaggio a un altro operatore per via telematica. I contratti di promozione non potranno durare più di 24 mesi e i costi di uscita dovranno essere proporzionati al valore del contratto e alla durata residua della promozione. I biglietti per il teatro, il cinema e gli spettacoli potranno essere acquistati utilizzando il credito telefonico. Gli operatori dei call center di telemarketing dovranno comunicare l’identità del soggetto per conto del quale avviene il contatto, nonché lo scopo commerciale o promozionale del contatto, per evitare lo spiacevole fenomeno delle comunicazioni indesiderate. A partire dal 10 giugno 2017, le nuove liberalizzazioni toglieranno a Poste Italiane l’esclusiva sulla spedizione di atti giudiziari e di notifica delle sanzioni, incluse quelle per le violazioni del codice della strada.

Ddl concorrenza in Senato: le novità introdotte sul mercato italiano.

Il Ddl prevede inoltre la riforma del bonus elettrico e gas, con relativa revisione della disciplina del bonus elettrico e del bonus gas per andare incontro ai clienti che versano in gravi condizioni di salute “tali da richiedere l’utilizzo di apparecchiature alimentate ad energia elettrica, necessarie per il loro mantenimento in vita”. Verrà creata anche un’anagrafe degli impianti stradali di distribuzione di benzina, gasolio, Gpl e metano della rete stradale e autostradale. L’assistenza clienti telefonica da parte di imprese di assicurazione, istituti bancari e gestori elle carte di credito dovrà essere garantita al costo di un’ordinaria chiamata urbana. Gli avvocati potranno fare parte di più di un’associazione professionale, ma al tempo stesso saranno obbligati a presentare un preventivo (scritto e articolato per voci di spesa) all’assistito, senza che quest’ultimo ne faccia richiesta.

Tutte le regioni dovranno fornire agli utenti un servizio di biglietteria telematica accessibile mediante un apposito sito web. Il servizio Ncc potrà essere svolto anche per mezzo di velocipedi, oltre che con autovetture, motocarrozzette e veicoli a trazione animale. Le farmacie potranno essere società di capitali, ma i soci non potranno però essere medici o informatori scientifici o produttori di farmaci, ma solo persone fisiche iscritte all’albo dei farmacisti, che abbiano conseguito una titolarità o l’idoneità o che abbiano effettuato almeno due anni di pratica professionale. Non esisterà più il limite della titolarità di quattro farmacie. Le farmacie convenzionate col Ssn potranno rimanere aperte anche oltre gli orari e i turni stabiliti, previa comunicazione all’autorità sanitaria competente. Novita anche sulla vendita dei farmaci di fascia C e H.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONDIVIDI