Il maltempo provoca una frana in Friuli. Le ultime novità

Per una frana abbattutasi in mattinata sul territorio del comune di Amaro (Udine), l'autostrada, invasa da massi e detriti, è stata chiusa al traffico.

Incendio - Vigili del fuoco

Nel Friuli l’autostrada A23, che collega Udine e Tarvisio, è stata chiusa al traffico in ambedue i sensi di circolazione a causa di una frana che si è abbattuta questa mattina nei dintorni del comune di Amaro, in provincia di Udine. A provocare la caduta delle rocce sono state le forti piogge che sono cadute sul territorio nelle ultime ore. La carreggiata è stata invasa da massi e detriti. Tre veicoli sono rimasti bloccati per lo smottamento, ma nessuno ha subito danni. In zona sono arrivati i Vigili del Fuoco del comando di Udine, giunti in sinergia con le squadre di Gemona e di Tarvisio.

Nessun ferito tra i veicoli bloccati!

La prima cosa che i soccorritori hanno verificato è che nei tre veicoli rimasti bloccati non vi fossero persone ferite. La frana è caduta sull’autostrada verso le sei di mattina nel tratto incluso fra i caselli Carnia e Pontebba che subito dopo è stata chiuso al traffico con uscite obbligatorie. A questo punto dovranno essere rimossi detriti e si dovrà aspettare un sopralluogo dei geologi per controllare se c’è pericolo di uletriori distacchi di roccia.

La gestione dei disagi nel traffico!

Nel frattempo a livello di traffico ci sono disagi con il formarsi di code a motivo della frana. In effetti la A23 è assai utilizzata dai turisti austriaci e tedeschi che dal confine di Coccau con l’Austria raggiungono le zone turistiche del litorale friulano e veneto. L’ente gestore del tratto, Autostrade per l’Italia, impone agli automobilisti che si spostano verso Udine di uscire a Pontebba, viaggiare lungo le strade ordinarie per rientrare sull’autostrada a Carnia, mentre obbliga all’itinerario inverso chi percorre la strada in direzione opposta, verso Tarvisio e il confine.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Knew.it

Informazioni sull'autore