CONDIVIDI
Papa Francesco, l'Angelus di oggi, 18 giugno 2017

Papa Francesco, l’Angelus di oggi. Domenica, 18 giugno 2017, la Chiesa celebra la festa del Corpo e Sangue di Cristo. Gesù è morto per noi e l’Eucarestia, spiega il Papa, “è sacramento della sua carne data per far vivere il mondo; chi si nutre di questo cibo rimane in Gesù e vive per Lui. Assimilare Gesù significa essere in Lui, diventare figli nel Figlio”. Attraverso l’Eucarestia, Gesù alimenta la nostra fede, è una forza spirituale che ci sostiene nell’impegno verso la pace e la giustizia, ci conforta nelle prove. “Nutrirci di Gesù Eucaristia”, spiega il Papa, “significa anche abbandonarci con fiducia a Lui e lasciarci guidare da Lui. Si tratta di accogliere Gesù al posto del proprio io. In questo modo l’amore gratuito ricevuto da Gesù nella Comunione eucaristica, con l’opera dello Spirito Santo alimenta l’amore per Dio e per i fratelli e le sorelle che incontriamo nel cammino di ogni giorno. Nutriti del Corpo di Cristo, noi diventiamo sempre più e concretamente il Corpo mistico di Cristo”.

Papa Francesco, le ultime news ad oggi.

Papa Francesco ieri ha incontrato Angela Merkel. Il Vaticano ha comunicato che durante l’incontro tra il Santo Padre e la Cancelliera tedesca sono state affrontate questioni di comune interesse, “con particolare considerazione per la riunione del G20 ad Amburgo. Si è convenuto sulla necessità di dedicare attenzione nel contrastare la povertà  e la fame, la minaccia del terrorismo ed i cambiamenti del clima”. Nell’incontro è emersa una grande sintonia di pensiero, in particolar modo sulla necessità di abbattere i muri, di un maggiore impegno per l’Africa e sull’importanza dei trattati internazionali.

Papa Francesco, l’Angelus di domenica 11 giugno 2017. 

Durante l’Angelus di domenica scorsa, 11 giugno 2017, il Papa ci ha parlato di Dio, Signore misericordioso e pietoso. “Dio non è lontano e chiuso in sé stesso, ma è Vita che vuole comunicarsi, è apertura, è Amore che riscatta l’uomo dall’infedeltà. Dio è misericordioso, pietoso e ricco di grazia perché si offre a noi per colmare i nostri limiti e le nostre mancanze, per perdonare i nostri errori, per riportarci sulla strada della giustizia e della verità. Questa rivelazione di Dio è giunta al suo compimento nel Nuovo Testamento grazie alla parola di Cristo e alla sua missione di salvezza. Gesù ci ha manifestato il volto di Dio, Uno nella sostanza e Trino nelle persone; Dio è tutto e solo Amore, in una relazione sussistente che tutto crea, redime e santifica: Padre e Figlio e Spirito Santo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui KNews.it su Facebook