CONDIVIDI
pensioni

Pensioni, Ape sociale. Il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha firmato il decreto d’attuazione dell’Ape sociale, misura che consentirà di accedere alle pensioni in maniera anticipata con il costo a carico dello Stato ad alcune categorie di lavoratori, in possesso di determinati requisiti. Ma il percorso per l’entrata in vigore  del provvedimento non è ancora completo e c’è il serio rischio che la data del 1°maggio possa slittare.

“Siamo appesi a un filo. Dal ministero del Lavoro continuano a rassicurarci che a giorni saranno disponibili le domande per accedere all’Ape sociale. Ma il decreto non è ancora uscito in Gazzetta Ufficiale e dunque l’Inps non può emettere le circolari operative, né attivare la procedura online”. Segnala  Fulvia Colombini, del collegio di presidenza dell’Inca, ai microfoni di RadioArticolo1. “ Da un lato le numerose categorie che potrebbero averne il diritto, dall’altro i 300 milioni contingentati dal governo, rendono questa una corsa a ostacoli”, ha aggiunto.

Pensioni anticipate, Ape sociale. Posti disponibili e domande d’accesso.  

Colombini dell’Inca, in riferimento alle domande per l’accesso all’Ape sociale, ha precisato che le domande potranno essere presentate dal primo maggio al 30 giugno, poi l’Inps stilerà una graduatoria e ne accetterà di nuove solo se rimarranno disponibili risorse dai 300 milioni stanziati. Se invece saranno esauriti, tutti gli altri passeranno all’anno successivo. Secondo le stime, potrebbero essere accolte tra le 30 e le 35mila domande. “E poi c’è la partita aperta per gli edili, un problema critico per noi, perché quel tipo lavoro è storicamente discontinuo e dunque è più difficile rientrare nei requisiti”, ha precisato.

“La legge di bilancio di fine anno potrebbe cambiare le cose, ma su questo ci batteremo affinché il governo mantenga l’impegno assunto al tavolo con i sindacati, Anzi, chiederemo di aggiungere ulteriori risorse. La fase due, in cui si parlerà anche della pensione contributiva per i giovani, apre una trattativa difficile e onerosa che richiederà l’uso sostanzioso di risorse pubbliche” ,ha aggiunto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONDIVIDI