CONDIVIDI
Riforma pensioni, le news d oggi 20 luglio 2017 su Ape, flessibilità, pensioni anticipate, garanzia giovani

Pensioni e vitalizi, le ultime news. Sul fronte pensioni dei parlamentari e vitalizi, le ultime news vengono fornite da Luigi Di Maio. “Il problema del vitalizio che scatta il 15 settembre è uno delle cose che grida vendetta in Italia. Mancano 98 giorni: adesso ci sarà da discutere i bilanci delle Camere a luglio e in quell’occasione il M5s darà battaglia per far saltare le pensioni ai parlamentari”, ha ribadito Di Maio alla Spezia per sostenere la candidata sindaco del M5s Donatella Del Turco, a chi gli chiedeva se l’argomento del vitalizio, usato per non andare a elezioni anticipate, fosse passato in secondo piano nel momento in cui è stata affossata la legge elettorale.“Per i franchi tiratori del Pd di ieri un grande ruolo l’hanno giocato la pensione e altri sei mesi di stipendio – ha detto -. Questo Paese in queste condizioni rischia di avere una legge di bilancio fatta dal Pd a novembre che aumenterà l’Iva e le tasse agli italiani. Volevamo e vogliamo per questo andare a votare prima possibile”.

Pensioni, precoci, quota 41, opzione donna, esodati, pensioni minime: l’incontro con Walter Rizzetto.

Ieri lunedì 12 giugno 2017 a Trieste, presso la sede della Regione Friuli Venezia Giulia, l’onorevole Walter Rizzetto, vicepresidente della commissione lavoro alla camera, ha tenuto l’incontro su precoci, esodati, opzione donna, pensioni minime, come ha ribadito nel post su Facebook di ieri sera:”Ci vediamo domattina a Trieste! Ore 10.30 presso il palazzo della Regione FVG in piazza Unità d’Italia. #pensioni #dignità #opzionedonna #esodati #precoci #Q41″.

Annunciava Rizzetto poche ore prima dell’incontro: “Porteremo all’interno delle istituzioni gli esodati, i lavoratori precoci, l’Opzione Donna e i pensionati con trattamenti minimi che sono stati danneggiati dalla mannaia della riforma Fornero”. Tra gli obiettivi ci sono anche gli esodati rimasti privi di copertura previdenziale e i pensionati che percepiscono assegni molto bassi. Al centro della discussione, ci sarà anche la proroga del regime sperimentale donna fino al 31 dicembre 2019. 

Riforma pensioni e fase due di confronto, le ultime news ad oggi.

Sul fronte pensioni pochi giorni fa c’è stato un incontro proficuo tra Andrea Orlando e Cesare Damiano con i segretari generali di Cgil Susanna Camusso, Cisl Anna Maria Furlan e Uil Carmelo Barbagallo, da cui peraltro è emersa l’esigenza di riprendere il confronto tra Governo e sindacati sulla previdenza, soprattutto per individuare una soluzione legislativa sulla ‘pensione contributiva di garanzia’ che ha l’obiettivo di assicurare una previdenza dignitosa per le nuove generazioni.

Pensioni anticipate e lavori di cura, le ultime dichiarazioni di Orietta Armiliato e Roberto Ghiselli.

Sul fronte pensioni, il punto della settimana appena trascorsa, ed il particolare la sintesi degli eventi più significativi sul piano previdenziale, viene fatto da Orietta Armiliato, del gruppo Facebook Comitato Opzione Donna Social(CODS), in particolare sul recente sondaggio lanciato all’interno del gruppo Facebook Comitato Opzione Donna Social, sul tema dell’esercizio di attività lavorative all’interno del regime di prepensionamento. ” Abbiamo avuto modo – evidenzia la Armiliato – di confrontarci lanciando un sondaggio interno al nostro Gruppo (considerando un campione più che limitato ma comunque significativo) sul tema della norma che consente un’attività lavorativa anche in regime di pensionamento: al momento si sono espresse 272 donne con una importante prevalenza del parere positivo che ha visto 217 preferenze contro 55 fra parere negativo (43) ed incerte (12). Ci pare un bel esercizio di democrazia e senso civico che conferma, stanti le donne iscritte al nostro gruppo, la propensione al volere e potere operare scelte nonché l’esigenza di avere norme flessibili che le consentano”.

La Armiliato ribadisce nel suo consueto focus della settimana l’importanza del riconoscimento dei lavori di cura ai fini previdenziali, ricollegandosi alla parole di Roberto Ghiselli, rilasciate nell’intervista di pochi giorni fa Blastingnews. Il segretario confederale della Cgil si è soffermato anche sul tema dei cosiddetti lavori di cura ribadendo che la tutela previdenziale per le donne “è un’emergenza”. “Non esiste più un criterio – rimarca il segretario confederale della Cgil – che riconosca il diverso carico di lavoro e le specifiche complessità nella conciliazione del lavoro professionale con quello di cura, che grava quasi esclusivamente sulle donne. Per queste ragioni le lavoratrici molto spesso hanno più discontinuità contributiva, salari più bassi e pochi contributi versati. Anche questo è un tema della fase due, e per noi prevedere il riconoscimento del lavoro di cura, per i figli ma anche per gli altri famigliari in caso di non autosufficienza, è urgente e giusto”.

Potere di acquisto delle pensioni, le ultime news ad oggi.

Romano Bellissima, segretario generale Uil pensionati, nel corso del convegno “Un lavoro sicuro per una pensione dignitosa per tutti”, ha posto l’accento sul potere d’acquisto delle pensioni. Tra i temi affrontati nel corso dell’evento si è trattata la questione dai giovani ancora fuori dal mondo del lavoro e dei meno giovani ormai espulsi dal mondo produttivo, privi di una adeguata protezione sociale.“Garantire il potere d’acquisto delle pensioni è un dovere costituzionale dello Stato, un dovere sociale verso le persone che hanno lavorato e versato i contributi”, ha affermato Bellissima. “Occorre fare una scelta di politica economica che sia di vero sostegno allo sviluppo del Paese”, ha aggiunto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONDIVIDI