CONDIVIDI
Riforma pensioni, novità ad oggi 14 agosto 2017 su pensioni anticipate, Ape, età pensionabile, pensioni donne

Riforma pensioni, arrivano i decreti sulle pensioni anticipate. Dopo tanta attesa sono stati pubblicati due giorni fa in Gazzetta Ufficiale i decreti attuativi delle misure per le pensioni anticipate contenute nella Legge di Bilancio 2017: Ape sociale ed il provvedimento per i lavoratori precoci. Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, si è servito di un tweet per diffondere la notizia della pubblicazione dei decreti di Ape sociale e precoci:” #apesociale Pubblicato il Regolamento. Da oggi è possibile chiedere la pensione anticipata per migliaia di persone che fanno più fatica”.

Pubblicati i decreti di Ape e Precoci. Il commento del Ministro Poletti.

“Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dei decreti per l’Ape sociale ed i lavoratori precoci, viene data l’opportunità a lavoratori in condizioni di difficoltà, quest’anno circa 60.000, di anticipare fino a 3 anni e sette mesi l’età di pensionamento, con potenziali effetti positivi sul ricambio generazionale e sulle opportunità di ingresso al lavoro per i giovani”. così il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti dopo la pubblicazione dei decreti.

Riforma pensioni, le novità ad oggi: le news di Orietta Armiliato.

Il consueto punto del venerdí sulle novità in materia di pensioni e previdenza femminile viene fatto da Orietta Armiliato, del gruppo Facebook Comitato Opzione Donna Social, nel post di ieri pubblicato sulla pagina Facebook del gruppo. La Armiliato ha fatto un piccolo resoconto sulle ultime novità fornite dall’onorevole Baruffi, sul cumulo gratuito per l’opzione donna. «Per quanto riguarda i temi oggetto degli obiettivi del nostro Comitato – rimarca la Armiliato – abbiamo avuto il piacere di avere una dichiarazione da parte dell’On. Baruffi circa il Cumulo Gratuito dei Contributi anche per chi desiderasse (con i requisiti vigenti) esercitare la misura dell’Opzione Donna; su questo tema stiamo lavorando dallo scorso anno e, sebbene anche l’ultima LdB abbia respinto l’istanza al mittente, parrebbe che oggi una qualche positiva apertura ci sia: sosteniamola e sosteniamo chi la sta portando avanti al fine di sanare una profonda ingiustizia creatasi, ancora una volta, a svantaggio delle donne: questo per noi é fare buona politica, quella che ci rappresenta, quella che vorremmo vedere sempre».

Riforma Pensioni, fase due, lavori di cura, le ultime news ad oggi.

La Armiliato torna anche sull’importanza di discutere durante la fase due di riforma delle pensioni, della valorizzazione e riconoscimento giuridico ai fini previdenziali del lavoro di cura svolto dalle donne. «In questi giorni – conclude la Armiliato – abbiamo anche sponsorizzato la petizione lanciata dal Comitato per la Proroga al 2018 dell’Opzione Donna ed a questo proposito vorrei ancora una volta chiarire che abbiamo deciso di farlo poiché leggiamo l’iniziativa come un forte atto di sensibilizzazione verso le istituzioni rispetto al disagio che oggi le donne vivono per l’impossibilità di giungere in tempi congrui, relativamente alla loro permanenza nel mondo del lavoro a causa delle leggi vigenti, atteggiamento che rileviamo sia lo stesso che é stato manifestato dai rappresentanti delle varie sigle sindacali anche negli incontri avvenuti ieri presso le loro sedi con i rappresentanti dei comitati mentre auspichiamo che, con l’avvio della Fase2, meglio si possa declinare il concetto di lavoro di cura e la sua conseguente valorizzazione assieme ad una forma di anticipazione alla quiescenza».

Pensioni, quattordicesima, le ultime news del ministro Giuliano Poletti.

Sul fronte pensioni, da luglio l’Inps erogherà la quattordicesima a oltre 3 milioni e mezzo di pensionati, dei quali 1,43 milioni la percepiranno per la prima volta. “Con questa misura diamo un sostegno ai pensionati con redditi più bassi, nel segno di un principio di equità che ha ispirato anche l’estensione della no-tax area, il cumulo gratuito dei periodi contributivi e i provvedimenti per l’ape sociale ed i lavoratori precoci. Interventi che sono stati tutti inseriti nella legge di bilancio per il 2017 a seguito del dialogo sulle tematiche previdenziali sviluppato con le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil, che prosegue con un’attenzione specifica alle prospettive previdenziali dei giovani”. Ad affermarlo è il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, in riferimento all’aumento ed all’estensione della quattordicesima per i pensionati previsti dalla legge di bilancio 2017. Si tratta dei pensionati con almeno 64 anni di età ed un reddito individuale fino ad un massimo di 2 volte il trattamento minimo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti.

Pensioni, le ultime dichiarazioni di Cesare Damiano.

“Una buona notizia per i pensionati a basso reddito: a luglio verrà nuovamente pagata la quattordicesima a coloro che hanno un assegno pensionistico fino a 1.000 euro lordi mensili. Riguarda 3,5 milioni di pensionati. Questa normativa, migliorata con l’ultima legge di Bilancio, è stata introdotta nel 2008 dal Governo Prodi e viene erogata ogni anno”. Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera. “Si tratta – prosegue – di una misura popolare e di successo, previdenziale e non assistenziale, che tiene anche conto dei contributi versati. Va a vantaggio di chi ha le pensioni più basse. È stato per fortuna sconfitto chi voleva subordinare la sua erogazione all’Isee, l’Indicatore di Situazione Economica Equivalente, confondendo una prestazione pensionistica con una assistenziale”, conclude Damiano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONDIVIDI